Hai tempo fino alle 21:15 per completare il tuo acquisto

Concerti del Tempietto - ore 20.30: JIm porto "Djavanear"
Concerti del Tempietto - ore 20.30: JIm porto "Djavanear"
Info
1 spettacolo in programmazione
25-09-2022
A partire da 15.50 €
Domenica 25 Settembre 2022
Chiostro di Campitelli al Teatro di Marcello – Piazza Campitelli, 9 – Roma

CONCERTI DEL TEMPIETTO – Festival Musicale delle Nazioni


ore 19.45 – Visita guidata nell’ Area Storica del Teatro di Marcello
(riservata ai possessori del biglietto del Concerto)

ore 20.30

DJAVANEAR – “Djavanear”
Jim Porto
Omaggio a Djavan Caetano Viana

“Jim” Jorge Gonçalves Porto, noto semplicemente come Jim Porto (Rio Grande, 26 marzo 1953), è un cantante, compositore e pianista brasiliano. Jim si avvicina alla musica già all’età di sei anni nella sua città natale di Rio Grande, la più antica dello Stato di Rio Grande do Sul, quando rimaneva incantato per ore ad ascoltare il pianoforte dei suoi vicini di casa. Non potendo permettersi di comprarne uno, il padre decise di prenderlo in affitto per coltivare la passione del figlio. Il piccolo Jim da autodidatta non si staccherà mai più da quello strumento con cui improvviserà i ritmi di Bossa Nova in voga in quel periodo. Terminato il liceo, a 18 anni Jim decide di trasferirsi a Rio de Janeiro per esibirsi nei piano bar e dar sfogo alla sua passione. Il suo carisma viene notato da un gruppo di turisti italiani che al ritorno in Italia lo mettono in contatto con Sandro Melaranci, proprietario del Manuia, un locale di Trastevere a Roma, fin dalla seconda metà degli anni settanta punto di riferimento della musica brasiliana in Italia. Porto accetta il mese di contratto proposto dal Manuia di Sandro Melaranci per esibirsi come solista al piano con l’aiuto di una batteria elettronica poi, invogliato dallo stesso Melaranci, usa anche la voce: rimarrà sette anni come interprete e compositore di brani di musica brasiliana nel locale affollatissimo dove altri musicisti italiani si alterneranno e lo accompagneranno settimanalmente sul piccolo palco. I primi anni ottanta furono un momento d’oro per la musica brasiliana in Italia e a Roma in particolare. Jim Porto partecipa con João Gilberto, Tania Maria e altri artisti in diverse edizioni delle Estati romane organizzate dall’amministrazione capitolina dell’epoca pur continuando le jam session al Manuia con artisti della caratura di Chet Baker, Jorge Ben, Caetano Veloso, Gilberto Gil, Milton Nascimento, Marisa MonteDejavan che parteciperà poi al primo vinile di Jim Porto Rio, prodotto nel 1983 da Sandro Melaranci con arrangiamenti di Rique Pantoja. Jim collaborerà per anni con jazzisti come Roberto Gatto e Michele Ascolese e sono molteplici le sue partecipazioni a grandi festival jazz in tutta Europa. A “Rio” seguiranno altri album e partecipazioni a importanti eventi in tutto il mondo: dal Festival di Praia di Capo Verde a Buenos Aires, da Barcellona al Festival etno-jazz di Tabarka in Tunisia, fino a ritornare al suo Brasile dove le canzoni di Jim Porto erano state scelte per la sigla di alcune telenovelas di successo di Globo TV. Il suo ultimo cd è ‘Live at Blue Note’, pubblicato da Rai Trade all’interno della collana Brasil diretta da Max De Tomassi, registrato dal vivo al Blue Note di Milano con il suo trio e con l’accompagnamento di Fabrizio Bosso alla tromba e Michele Ascolese alla chitarra. Virtuoso del jazz samba, Jim Porto è considerato oggi uno dei massimi esponenti della musica brasiliana in Italia.
1 spettacolo in programmazione
25-09-2022
A partire da 15.50 €
Domenica 25 Settembre 2022
Chiostro di Campitelli al Teatro di Marcello – Piazza Campitelli, 9 – Roma

CONCERTI DEL TEMPIETTO – Festival Musicale delle Nazioni


ore 19.45 – Visita guidata nell’ Area Storica del Teatro di Marcello
(riservata ai possessori del biglietto del Concerto)

ore 20.30

DJAVANEAR – “Djavanear”
Jim Porto
Omaggio a Djavan Caetano Viana

“Jim” Jorge Gonçalves Porto, noto semplicemente come Jim Porto (Rio Grande, 26 marzo 1953), è un cantante, compositore e pianista brasiliano. Jim si avvicina alla musica già all’età di sei anni nella sua città natale di Rio Grande, la più antica dello Stato di Rio Grande do Sul, quando rimaneva incantato per ore ad ascoltare il pianoforte dei suoi vicini di casa. Non potendo permettersi di comprarne uno, il padre decise di prenderlo in affitto per coltivare la passione del figlio. Il piccolo Jim da autodidatta non si staccherà mai più da quello strumento con cui improvviserà i ritmi di Bossa Nova in voga in quel periodo. Terminato il liceo, a 18 anni Jim decide di trasferirsi a Rio de Janeiro per esibirsi nei piano bar e dar sfogo alla sua passione. Il suo carisma viene notato da un gruppo di turisti italiani che al ritorno in Italia lo mettono in contatto con Sandro Melaranci, proprietario del Manuia, un locale di Trastevere a Roma, fin dalla seconda metà degli anni settanta punto di riferimento della musica brasiliana in Italia. Porto accetta il mese di contratto proposto dal Manuia di Sandro Melaranci per esibirsi come solista al piano con l’aiuto di una batteria elettronica poi, invogliato dallo stesso Melaranci, usa anche la voce: rimarrà sette anni come interprete e compositore di brani di musica brasiliana nel locale affollatissimo dove altri musicisti italiani si alterneranno e lo accompagneranno settimanalmente sul piccolo palco. I primi anni ottanta furono un momento d’oro per la musica brasiliana in Italia e a Roma in particolare. Jim Porto partecipa con João Gilberto, Tania Maria e altri artisti in diverse edizioni delle Estati romane organizzate dall’amministrazione capitolina dell’epoca pur continuando le jam session al Manuia con artisti della caratura di Chet Baker, Jorge Ben, Caetano Veloso, Gilberto Gil, Milton Nascimento, Marisa MonteDejavan che parteciperà poi al primo vinile di Jim Porto Rio, prodotto nel 1983 da Sandro Melaranci con arrangiamenti di Rique Pantoja. Jim collaborerà per anni con jazzisti come Roberto Gatto e Michele Ascolese e sono molteplici le sue partecipazioni a grandi festival jazz in tutta Europa. A “Rio” seguiranno altri album e partecipazioni a importanti eventi in tutto il mondo: dal Festival di Praia di Capo Verde a Buenos Aires, da Barcellona al Festival etno-jazz di Tabarka in Tunisia, fino a ritornare al suo Brasile dove le canzoni di Jim Porto erano state scelte per la sigla di alcune telenovelas di successo di Globo TV. Il suo ultimo cd è ‘Live at Blue Note’, pubblicato da Rai Trade all’interno della collana Brasil diretta da Max De Tomassi, registrato dal vivo al Blue Note di Milano con il suo trio e con l’accompagnamento di Fabrizio Bosso alla tromba e Michele Ascolese alla chitarra. Virtuoso del jazz samba, Jim Porto è considerato oggi uno dei massimi esponenti della musica brasiliana in Italia.
Orari
Domenica
25/09/2022
18:30

Chiostro Di Campitelli

Piazza Campitelli 9, 00100 Roma, Roma

Chiostro Di Campitelli

Piazza Campitelli 9, 00100 Roma, Roma
da 15.50 €
Acquista
Posti
Seleziona un orario
Buy Now
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.